WOMAN IN STEM

Camerana contro il Gender-Gap

Scuola Camerana si impegna da anni per sostenere, incentivare e promuovere la presenza femminile sui corsi afferenti al mondo STEM (Science, Technology, Engineering, Math).
I nostri corsi diurni e serali preparano a quelle professioni che storicamente soffrono di un radicato stereotipo di genere e stanno registrando, negli ultimi anni, un progressivo aumento del numero di iscritte che non accenna a diminuire.
In un mondo che non è più soltanto “a misura d’uomo”, storie come quelle di Martina, Sara, Cristina, Silvana e Serena, giovani donne che brillano in campi da molti considerati “maschili”, rappresentano modelli nuovi e inediti a cui ispirarsi.
 

SARA ALVISE

Corso “Tecnico installatore e manutentore di reti locali”

Sara vorrebbe lavorare come tecnico informatico e per questo ha scelto il nostro percorso formativo. DELLa classe in cui è inserita, a prevalenza maschile, apprezza e considera interessanti, lE diversità dei percorsi, di età E DI PUNTI DI VISTA.
Sa che può essere scoraggiante avere a che fare con chi non crede nelle nostre potenzialità:  per questo pensa che sia utile ispirarsi alle storie di altre donne e ALLENARE LA MENTE A DIVENTARE NOSTRA ALLEATA E NON LA PIù’ GRANDE SABOTATRICE DI NOI STESSE.
A chi le fa INTENDERE che IL CORSO SCELTO NON è “abbastanza femminile”, vorrebbe rispondere che il sapere non ha genere e che il vero punto di partenza e di arrivo, è l’amore per quello che si fa.

SERENA SARRA

Corso “Tecnico sistemista di reti”

Penso che essere una donna portata al ragionamento tecnico informatico non possa costituire ancora motivo di pregiudizio nel 2022.
Serena non ha mai vissuto una classe composta principalmente da uomini, come pregiudicante per la sua scelta, anzi: è positiva, determinata e confida nell’importanza e nel valore delle competenze che sta acquisendo durante il suo percorso. Nella sua azienda ricopre un ruolo di assistenza tecnica di 1 livello e desidera crescere professionalmente nel suo settore.

MARTINA FERRARA

Corso "Tecnico di sviluppo software"

Nel 2022 non esistono più lavori da ” donna” o da “uomo”: il sesso non determina ciò che puoi o non puoi fare. Sul corso che sto frequentando ho trovato compagni di corso gentili e docenti molto preparati e disponibili al confronto. Vorrei acquisire una base solida di preparazione e conoscenza nell’ambito delle tecnologie informatiche e fare carriera come sviluppatore.
Alle donne che si sentono scoraggiate, Martina, consiglia di non farsi ingabbiare dai pregiudizi e delle paure: quando c’è la volontà e la “predisposizione a fare”, perché non assecondarle?

SILVANA FALCO

Corso "Tecnico dei sistemi CAD/CAM"

Ho sempre avuto una passione per il disegno tecnico e curiosità per l’utilizzo dei software specifici. Ho scelto quindi di investire un anno della mia vita in questo tipo di formazione.
Silviana dice di non avere mai avuto problemi a collaborare con gli uomini e, anzi, considera il confronto stimolante e arricchente. Si augura di potere dimostrare presto le sue capacità in ambito lavorativo e incoraggia tutte le donne a dare ascolto, ciascuna alle proprie aspirazioni e a non “sentire” critiche e giudizi.

CRISTINA ANDRA LAZAREAN

Corso "Tecnico installatore e manutentore di reti locali"

Cristina si è iscritta al corso per aumentare le sue conoscenze con l’obiettivo di svolgere in autonomia attività relative all’installazione di una rete: vuole porre le basi nell’ambito dello sviluppo software.
Pensa che identificare delle figure professionali come “maschili”, risponda ad una mentalità retrograda e da superare. Incoraggia tutte le giovani donne come lei, a focalizzarsi su ciò che si desidera fare, ignorando i pregiudizi che ancora esistono.