fbpx

Informativa
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Loghi

CONFERENZA STAMPA a.f. 2019/2020

GLI INGREDIENTI PER UNA CRESCITA VERA 

PRESENTAZIONE CORSI SCUOLA CAMERANA E ITS

Scuola Camerana e Fondazione Meccatronica e Aerospazio presentano la nuova offerta formativa e le iscrizioni per il prossimo anno, per costruire il futuro del prossimo decennio.

 

Costruire un ponte tra scuola e lavoro, accrescere e sviluppare conoscenza, consapevolezza e responsabilità tra i giovani. Il futuro dei ragazzi non si gioca solo sulla scelta dei singoli: interessa famiglie e istituzioni scolastiche e permette di collegarsi alle nuove traiettorie economiche del territorio.  Le imprese faticano a trovare personale con le competenze e capacità richiesti: un grave paradosso, se si pensa che la disoccupazione, soprattutto giovanile, tocca livelli record.

Questi i temi affrontati oggi in conferenza stampa presso la Scuola Camerana, che ha visto protagonisti Stefano Serra Presidente Fondazione ITS Meccatronica ed Aerospazio del Piemonte, Antonino Iaria Città Metropolitana Torino, Elena Chiorino Assessore Regionale dell’Istruzione, Lavoro e Formazione professionale, il Rettore del Politecnico di Torino prof. Guido Saracco e il Presidente Onorario Scuola Camerana, arch. Benedetto Camerana.

Le stime di Confindustria, considerando anche un incremento di circa il 15% per l’effetto di quota 100, raccontano che nei prossimi tre anni in Italia ci sarà bisogno di 193 mila tecnici e diplomati superiori, ma i candidati non ci sono: un candidato su tre non è reperibile, affermano le statistiche Unioncamere.  Solo nella meccanica il fabbisogno sarà di 68 mila nuovi posti di lavoro ed altri 45 mila nell’ICT: una difficile situazione per il tessuto sociale e per il sistema produttivo italiano, che dovranno affrontare, oltre agli alti e bassi dell’economia, un limite alla crescita per carenza di risorse umane. E senza contare il fabbisogno di formazione del capitale umano già presente nelle imprese.

Un rilevante contributo alla soluzione di questo tema cruciale può arrivare dagli ITS, diplomi biennali post secondaria superiore, un segmento dell’istruzione terziaria non accademica. Gli Istituti tecnici Superiori lavorano a stretto contatto con le aziende e rappresentano la connessione tra giovani che scelgono di intraprendere un percorso specifico di specializzazione tecnica e il mondo produttivo. La progettazione di questa offerta formativa deriva dalle esigenze reali di imprese e i territori.

Secondo il presidente della Fondazione ITS Meccatronica ed Aerospazio Stefano Serra, che ha promosso la presentazione di oggi, “dobbiamo investire su scuole professionali e ITS, che stanno crescendo al ritmo del 30% l’anno, ma non ancora abbastanza per l’enorme gap che ci separa da altri Stati europei. La sfida è rilanciare il collegamento tra studenti e aziende, se si vuole superare il paradosso tutto italiano: il Piano Industria 4.0 ha acceso i riflettori sullo sviluppo e il potenziamento digitale dell’impresa, di prodotto e processo. Abbiamo nuovi macchinari, ma non le persone per farli funzionare. Per questo va potenziata l’istruzione terziaria professionalizzante nelle discipline “STEM” (Science, Technology, Engineering and Mathematics).

Gli ITS, in Italia nati dieci anni fa, attraggono solo poco più di 10.000 ragazzi l’anno, contro gli oltre 800mila della Germania. Per le loro caratteristiche, questi nuovi percorsi formativi offrono una prospettiva occupazionale molto elevata, che supera l’80% a dodici mesi. In Piemonte nel settore meccatronico arrivano vicino al 100%. Inoltre, dai percorsi dell’ITS Meccatronica e Aerospazio si potrà accedere a corsi di laurea professionalizzante in “Tecnologia per l’Industria manifatturiera”, grazie al coordinamento con il Politecnico di Torino. La Scuola Camerana – continua Serra - rappresenta il punto di riferimento avanzato delle moderne tecnologie di fabbrica, ruolo che lo vede partner dello stesso Politecnico di Torino, con cui si sta progettando la nuova formazione professionalizzante del Manufacturing Training e Competence Center di TNE.

Per il prossimo anno è prevista un’offerta ancora più ricca, con nuove classi e nuove aule offerte dalla Città metropolitana per rispondere alle necessità di spazio e strutture dedicate. Ci auguriamo di poter far partire 7 corsi, due in più rispetto l’anno 2019/2020, tra cui Supply Chain e Logistica Industry 4.0, Sistemi ed impianti di automazione industriale, Meccatronica per l’Aerospazio, Processi e Prodotti con sistemi CNC e progettazione tradizionale, Progettazione e produzione Additive, Informatica per Meccatronica 4.0 e sistemi IoT.

Infine, alle Istituzioni che lavorano per ridurre le distanze tra giovani, territorio ed economia produttiva, è particolarmente gradito il ritorno all’impegno diretto di una delle famiglie fondatrici, nella persona dell’Architetto Benedetto Camerana quale Presidente Onorario dell’omonima scuola, che conferma l’interesse strategico al tema della formazione”.

 

I RAPPORTI CON I PARTNER

REGIONE PIEMONTE. Il Piemonte, grazie alla lungimiranza ed alla visione dei Governi regionali, è un sistema di eccellenza in Italia, con 7 fondazioni ITS e 25 corsi attivati quest’anno contro i 19 dell’anno scorso. Stefano Serra afferma che: “Abbiamo già osservato come il nuovo Governo regionale del Piemonte operi con la praticità propria delle imprese e desideri pianificare un percorso che guidi i prossimi 4 anni di lavoro. Siamo convinti che dopo questi primi mesi di ricognizione, continuerà sulla strada tracciata per gli ITS e lavorerà anzi ad un progetto più ampio ed organico, con bandi pluriennali e facilitando la realizzazione di spazi capaci di sostenere la crescita dei corsi. Siamo inoltre convinti che vorrà riconsiderare le linee guida per i corsi del Mercato del Lavoro, l’altro canale delle imprese per l’acquisizione di personale tecnico capace, al fine di incrementare le risorse orientate a favorire il reperimento di quel capitale umano necessario alla crescita industriale del territorio”.

 

CITTA METROPOLITANA La Fondazione ITS Meccatronica e Aerospazio per rispondere all’elevata domanda di iscrizioni sta lavorando per il finanziamento di 2-3 nuovi corsi e aule sufficienti per poterli ospitare, in attesa della realizzazione della “Cittadella delle Professionalizzanti” in TNE e del Polo Aerospazio in Corso Marche. La Città Metropolitana, attore che ascolta con attenzione e accompagna con azioni concrete, si è impegnata a rendere disponibili spazi per almeno due corsi nel contiguo edificio di Via Braccini a partire da fine 2020. Un’azione non scontata e da coordinare con moltissime altre esigenze del territorio, segno anche del coraggio con cui si vuole perseguire l’azione di sostegno alla risoluzione di una malattia gravissima dei nostri tempi quale la disoccupazione giovanile.

 

POLITECNICO DI TORINO La rinnovata sinergia con il Politecnico di Torino è elemento di soddisfazione per l’intero territorio regionale e la sua alleanza con l’ITS Meccatronica e Aerospazio lancia dal Piemonte un modello virtuoso per il Paese. Si tratta di un modello sinergico tra Università e ITS, con la messa in comune dei laboratori, con selezioni in ingresso e curriculum di studio convergenti con le lauree professionalizzanti, per aumentare le opzioni dedicate ai ragazzi ammessi, nonché per poter consentire di completare il percorso di studio post ITS. Infine, è oggetto di studio l’evoluzione organizzativa del modello di cooperazione, necessaria per semplificare la crescita.

 

UNIONE INDUSTRIALE E AMMA I due soci, insieme alla Camera di Commercio di Torino, hanno consentito quello che vedete visitando la scuola e leggendo le statistiche dei suoi risultati. Lo fanno con gli oltre 2,5 milioni di euro investiti per sostenere le spese correnti in dieci anni e consentire la realizzazione di tutto questo. Stefano Serra: “Come Presidente della Scuola, posso affermare che vicinanza e sensibilità dei soci sono fondamentali per l’azione quotidiana, ma anche un sostegno determinante nel tempo e che oggi si rinnova con i piani per sostenere quella domanda di competenze e capacità che caratterizzerà il prossimo triennio”.

 

LA FAMIGLIA CAMERANA CONFERMA CONTINUITA’ NELLA VITA DELLA SCUOLA La famiglia Camerana ha promosso ed accompagnato la Scuola dalla sua nascita. Oggi assistiamo ad un passaggio di consegne tra generazioni della famiglia: la nomina dell’Arch. Benedetto Camerana quale nuovo Presidente Onorario della scuola, una presenza che garantirà continuità nei prossimi decenni portando idee e confronto nelle scelte importantissime che ci attendono.

 

ASSOCAM SCUOLA CAMERANA, Agenzia Formativa dell'Unione Industriale, AMMA e Camera di Commercio di Torino è da sessant’anni una significativa realtà del sistema formativo della Regione Piemonte ed in particolare della Città Metropolitana di Torino. Oltre alla proposta formativa degli ITS, opera con l'obiettivo di fornire un concreto contributo allo sviluppo delle competenze professionali sia di personale occupato che di personale non occupato, orientandosi a preparare i giovani ad acquisire competenze specifiche su tematiche professionalizzanti e tecnologie avanzate, supportando la formazione dei lavoratori stranieri verso l’integrazione lavorativa e sociale, proponendo percorsi di long life learning. Nell’ultimo decennio la Scuola Camerana ha erogato 3.900 corsi per oltre 45.000 ore di formazione con oltre 192.000 partecipanti, facendo buon uso delle linee di finanziamento della Regione Piemonte e della Città Metropolitana, integrato dal contributo dei soci che ammonta a ben 2.500.000 Euro. 98% è il tasso di occupazione per Scuola Camerana e Fondazione ITS Meccatronica e Aerospazio, numeri ben superiori delle medie nazionali o di quelle regionali, ottenuto grazie alla selezione delle materie insieme alle imprese, al metodo didattico e alle partnership con i leader tecnologici, quali SIEMENS, National Instruments, Renishaw, Dassault, ST Microelectronics e FIDIA. Senza tralasciare i corsi trans-nazionali che hanno già portato oltre 110 ragazzi a seguire parte dei corsi all’estero. Solo per le domande alle selezioni di ingresso, la Fondazione ITS Meccatronica e Aerospazio è passata dalle 500 domande nel 2018 alle 900 del 2019, ma la ricettività sarà di soli 175 posti e se saranno approvati dalla Regione tutti i 5 corsi proposti. Quest’anno si sarebbero potuti attivare almeno altri 3 corsi, garantendo l’accesso ad altri 70-100 ragazzi. Sarà l’effetto delle 6 premialità vinte con il MIUR o del tasso di occupabilità al 98% dei 18 corsi già conclusi, ma l’accelerazione è evidente e si incrementerà con le sinergie ritrovate con il Politecnico negli ultimi 12 mesi.

Inserire i riferimenti della persona da contattare

* richiesto

Inserire i riferimenti della persona da contattare

SPECIFICHE DEL CORSO

* richiesto

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per tutte le ultime notizie e informazioni
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo